…per acqua e viento….

E’ alla strega che secondo me è in ogni donna che ho dedicato l’angolo di giardino scuro e silenzioso dominato dai vecchi noci: ci ho messo una sedia che ricorda la pira pronta di un rogo, e sul muro sbrilluccica una frase scritta con cocci di specchio,  realizzata per gioco insieme alle mie piccole apprendiste-streghe, che fissa la prima strofa del canto rituale del sabba della notte di san giovanni, la notte magica per antonomasia, in cui i rami di noci e noccioli diventano scope volanti….

“per acqua e viento, e per ogni maltempo, sott’o noce e’ Benevento…”

…e,ad affidarsi al naso,organo fondamentale per la vera comprensione del giardino, nel mio ” angolo della strega” si può riuscire persino a sentire odore di zolfo….

(nell’immagine, Claudia e Carlotta…)

  1. claudia |

    ricordo benissimo quanto ci siamo divertite a fare quella scritta … :)